Cos’è un file Inetloc e perché è pericoloso per MacOS

Molti riconoscono i prodotti della Apple come fra i più sicuri in assoluto. I loro contenuti non solo sono criptati di fabbrica, ma usano anche un chip personale per tenere il tutto al sicuro. Il fatto che hanno anche un ecosistema chiuso nel quale possono solo comunicare i prodotti della Apple, almeno per le loro funzioni più importanti, aiuta notevolmente nel dare un senso di esclusività e protezione all’utente finale. Ma così come ogni prodotto informatico presente sul pianeta, c’è sempre qualche vulnerabilità. I dispositivi come l’iPhone, iMac o iPad sono estremamente sicuri, ma non invincibili. Per questo c’è sempre qualcosa che può comportare un rischio per la sicurezza dei propri dati, andando incontro ad infezioni che colpiscono immediatamente senza scampo. Sia ben detto però: l’Apple impiega sempre molto poco nell’offrire una patch o un aggiornamento adeguato per rimuovere una debolezza del genere, qualcosa che va sicuramente rispettato.

Cosa sono specificamente i file Inetloc, e che pericoli comportano per MacOS? 

In breve un file Inetloc serve per effettuare una connessione rapida ad un servizio o un sito, usando una serie di comandi complessi che può includere accessi SSH attraverso varie metodologie, come anche Telnet. Insomma, si tratta di contenuti che se letti costringono MacOS ad effettuare una connessione ad un server non autorizzato, eseguendo vari comandi che l’utente finale non potrà mai vedere. Questo è molto pericoloso poiché, alla fin fine, può incorrere a modifiche nel sistema operativo o nel download di qualche malware particolare. Nel peggiore dei casi, un Inetloc può trasferire files o anche attivare il supporto remoto su MacOS, facendo così perderne il controllo.

Come evitare una connessione pericolosa

Una vulnerabilità del genere è comprensivamente piuttosto disastrosa, ma è facile da evitare. L’Apple ha già rilasciato diversi aggiornamenti che correggono questo problema, ma i prodotti iMac e Macbook che hanno ancora un sistema operativo Big Sur (o più vecchio) hanno il serio rischio di ritrovarsi con la sicurezza di MacOS compressa. Ovviamente, ci sono tre modi precisi per evitare di finire vittime d’un infezione attraverso Inetloc:

-Non aprite il file. Anche se MacOS può leggerne il contenuto, questo non entra in azione a meno che non venga eseguito o trascinato nel sistema.

-Staccate la connessione ad Internet se non avete altra scelta. Un file Inetloc comunica con server sulla rete. Non può eseguire i suoi contenuti senza una connessione.

-Modificate un file Inetloc. Se ne siete capaci, potete modificare il contenuto d’un file di questo genere prima di eseguirlo. Consigliamo questa soluzione solamente a chi ha le giuste conoscenze tecniche per analizzare un file di questo genere.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *